Ti svegli al mattino con una sensazione di indolenzimento e di fastidio alla bocca e al collo?

Senti le mascelle rigide, i denti ti dolgono e fatichi ad aprire e chiudere la bocca?

Potresti soffrire di bruxismo!


 Quali sono i sintomi del bruxismo?

Mal di testa ingiustificato

Difficoltà di deglutizione e masticazione

Dolenzia alle orecchie

Sensazione di avere una o entrambe le orecchie tappate

Vertigini nei cambiamenti rapidi di posizione della testa

Denti più sensibili al caldo ed al freddo

Difficoltà all’apertura completa della bocca (rigidità)

Dolore ai muscoli della colonna vertebrale cervicale


Che cos’è il bruxismo?

Si tratta di un fenomeno in base al quale durante il sonno , si digrignano o serrano tra loro i denti, contraendo tutta la muscolatura che presiede alla masticazione. Tutto ciò avviene in modo inconsapevole durante il sonno , ma nei casi più gravi può accadere anche durante il giorno.

 Quali sono le cause?

  • Stress emotivo Tutti gli esperti sono concordi nell’individuare lo stress emotivo come causa del bruxismo: uno stato di eccessiva tensione non controllata induce i muscoli della bocca e del collo a irrigidirsi e tendersi
  • Malocclusioni Un errato allineamento e posizionamento dei denti può essere un’altra causa frequente di bruxismo

Quali sono i danni?

  • Dolore a tutta la muscolatura oro-facciale e del collo con sintomi uguali a quelli della cefalea. Si parla in questi casi di cefalea muscolo-tensiva
  • Usura delle superficie dei denti con fratture e distacchi di porzioni di smalto
  • Aumento della sensibilità dei denti
  • Alterazioni delle superfici delle articolazioni temporo-mandibolari, che causano dolore articolare, scrosci articolari, ronzii e fischi all’interno dell’orecchio medio.

Come si cura il bruxismo?

Il metodo per ottenere un sollievo rapido prevede di applicare un “BITE”, cioè un piccolo apparecchio per i denti, realizzato in resina trasparente e rigida sul modello delle arcate dentali del paziente. Il suo scopo è impedire , durante il sonno, il contatto diretto tra i denti. Deve essere realizzato con cura e competenza e va periodicamente controllato dal dentista per verificarne l’efficacia e la correttezza.

Spesso si rivela indispensabile anche correggere tutte le malocclusioni dentali che possono avere contribuito a generare e a mantenere il problema.

Controlla la tua mandibola!

Clicca qui!